I nostri anziani, un impegno e una ricchezza.

L'umanità di Alberto Sordi è stata profonda, discreta e riservata al tempo stesso, fatta di un
altruismo innato, gesti quotidiani di comprensione e condivisione, mai plateali.
Una umanità che ha trovato la sua forma compiuta nella Fondazione Alberto Sordi.
Istituita dall'attore nel 1992 e riconosciuta come Ente Morale con D.M. del 30.10.95, la Fondazione promuove la ricerca scientifica sulle patologie dell'età avanzata e l'assistenza qualificata alle
persone anziane, nel rispetto prima e nella valorizzazione poi della dignità della persona umana
e del suo diritto alla vita e alla salute.
ENGLISH VERSION >>       |        Brochure (PDF) >>       |        Dépliant (PDF) >>

       

Tradizionale cena di Natale

La Fondazione Alberto Sordi ha rinnovato l’appuntamento con la tradizionale “Cena di Natale” che si è tenuta mercoledì 4 dicembre 2013 al Teatro Centrale Carlsberg di Via Celsa 6 nel cuore di Roma.   >>
archivio

dedicato ad AlbertOne - ed. 2014

Dedicato ad Albertone
Alberto Sordi Domenica 15 giugno 2014, presso la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica di Roma, la Fondazione Alberto Sordi ha reso omaggio alla figura del grande attore nel giorno del suo compleanno con lo speciale evento “Dedicato ad AlbertOne” presentato da Fabrizio Frizzi.
Video HD
>>  |  News  >>
filmato fas
   
 
 

7 ottobre 2013 - Santità, se è necessario

Il 7 ottobre alle ore 18.00 l’Aula Magna della Fondazione Alberto Sordi ha ospitato la presentazione del volume “Santità, se è necessario” un libro di poesie inedite scritte da Paolo Zeppilli e Giorgio Cameli.   >>
archivio

DECENNALE ALBERTO SORDI

La Fondazione Alberto Sordi ha reso omaggio alla figura del grande attore in occasione del decimo anniversario della sua scomparsa con una serie di iniziative celebrative organizzate con Roma Capitale.   >>
archivio

"Onorare gli anziani comporta un triplice dovere verso di loro, l’accoglienza, l’assistenza, la valorizzazione delle loro qualità"

Santo Padre Giovanni Paolo Secondo • (Lettera per gli anziani - ottobre 1999)