SEMINARIO - DAI PIANI DI ASSISTENZA AI PIANI DI ESISTENZA - LE ESPERIENZE DEI SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI E SANITARI RIVOLTI ALLE PERSONE ANZIANE

seminario fondazione alberto sordi

Il seminario – organizzato da Fondazione Alberto Sordi e Università Campus Bio-Medico di Roma – si è svolto in occasione della Giornata Internazionale dedicata alla Persona -Anziana, istituita dalle Nazioni Unite nel 1990

“Dai piani di assistenza ai piani di esistenza”: è questo il significativo titolo del seminario organizzato da Fondazione Alberto Sordi e area di Scienze Infermieristiche dell’Università Campus Bio-Medico (UCBM) di Roma, in occasione della Giornata internazionale dedicata alla persona anziana, istituita dalle Nazioni Unite nel 1990.

L’evento – che si è tenuto nell’ateneo romano – ha rappresentato un importante momento di riflessione e confronto sulla promozione di una nuova cultura del prendersi cura della persona anziana all’interno della rete dei servizi sociali, socio-sanitari e sanitari.

Due le sessioni, entrambe moderate da Maria Grazia De Marinis dell’UCBM.

La prima – Basi culturali e teoriche per un nuovo modello di cura – è stata aperta da Tommasangelo Petitti (IRCCS Fondazione Don Gnocchi Onlus – UCBM) che, nel corso del suo intervento, si è soffermato sui luoghi di vita delle persone anziane in Italia.

A seguire, Bianca Di Francesco dell’Associazione Alberto Sordi ha descritto le teorie psicologiche che supportano un invecchiamento attivo e una crescita della persona in tutto l’arco della vita.

In conclusione, Maria Matarese (UCBM) ha descritto i modelli di residenzialità e il concetto di prendersi cura della persona anziana. A tal riguardo, ha specificato che ««deve cambiare il concetto di residenzialità, perché le strutture non devono essere soltanto garanzia di cura ma contesti in cui le persone che le vivono possano continuare a crescere attraverso la condivisione di esperienze con coetanei ma anche con persone di generazioni differenti. Luoghi, insomma, in cui sentirsi realmente a casa: ambienti familiari dove poter prendere decisioni, esprimere la propria creatività, condividere momenti di gioia e coltivare relazioni significative».

Nella seconda sessione, i relatori intervenuti hanno presentato concrete esperienze realizzate in vari contesti.

Francesca Lospoto ha raccontato del centro diurno per anziani fragili dell’Associazione Alberto Sordi, che aiuta da anni le persone anziane a trovare nuovi progetti di vita.

Poi, Maria Grazia Montalbano (LUSAN srl) ha illustrato i principali aspetti di progettazione e attuazione del modello person centered care in una residenza assistenziale.

Giancarlo Penza della Comunità di Sant’Egidio ha rappresentato l’esperienza del co-housing come nuova scelta abitativa e di vita: soluzioni nuove che hanno così, poi, trovato continuità nella relazione di Cecilia Stajano (Fondazione Mondo Digitale) incentrata sul tema, molto attuale, del contributo della tecnologia ai progetti di vita anche a partire dalle criticità emerse durante la recente emergenza sanitaria.

Luca Lodi, educatore e autore di “Lunafasia” e “Ageismo. Il mistero del nome perduto”, dalla sua prospettiva di scrittore ha evidenziato l’incisività del racconto come strumento per stimolare in chi si prende cura degli anziani alla riflessione sui comportamenti, sugli atteggiamenti e soprattutto sullo sguardo che ognuno ha verso l’altro.

La chiusura dei lavori è stata di particolare impatto emotivo, per l’intervento della Maestra Anna Maria Buontempo, che con i suoi 103 anni ha descritto la motivazione che l’ha portata a scrivere il libro “Storia di una maestra” (Volturnia Edizioni), in cui racconta la sua vita.

La maestra ha saputo inviare alla platea un messaggio chiaro sul tesoro nascosto in ogni vita, che spetta ad ognuno saper scoprire e valorizzare.

Vicino agli Anziani
Scopri la fondazione
Sostegno alla ricerca
Scopri di più
Vicino a chi soffre
Scopri l'associazione
Previous
Next

Scopri tutti i progetti

Ultimi articoli

LINGUA DEI SEGNI

23 settembre, Giornata internazionale della lingua dei segni

Il 23 settembre è una data molto speciale: in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale della lingua dei segni. Non è data scelta a caso, perché si tratta dell’anniversario della nascita della federazione dei Sordi (Wfd), organizzazione nata nel 1951 a Roma per promuovere i diritti delle persone sorde e la loro inclusione sociale.

Leggi di più »

I più letti

Leggi tutti gli articoli

nurse holding senior man s hands for comfort

Gli anziani
una ricchezza per tutti

Siamo convinti che la cura e l’assistenza dell’anziano siano importanti ma non sufficienti.
Il nostro approccio è, dunque, non soltanto sanitario ma anche sociale.
È questa la strada per prevenire e contrastare il disagio che, spesso, la persona anziana percepisce in una società in continua evoluzione e che, talvolta, sembra addirittura non accettarli.

Testimonianze

Seguici sui nostri social

Facebook Posts

This message is only visible to admins.
Problem displaying Facebook posts. Backup cache in use.
Click to show error
Error: Error validating access token: The session has been invalidated because the user changed their password or Facebook has changed the session for security reasons. Type: OAuthException
Abbiamo chiesto ad Associazione Kiki, Riccardo Prandini ed Elena Macchioni della Alma Mater Studiorum - Università di Bologna il significato del verbo "curare", aldilà della sua definizione grammaticale.Di seguito le risposte di chi, con questo verbo, lavora ogni giorno.E per voi cosa significa "curare"? Scrivetelo nei commenti 👇#fas #fondazionealbertosordi #curare #anziani #vocedelverbo #terzaetà #reels #cura #unibo ... See MoreSee Less
View on Facebook