Terza età: a Roma e Milano attivi i taxi solidali

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin

Una bella iniziativa a sostegno delle fasce più deboli. Il taxi solidale, a Roma e Milano, è già realtà.

L’auspicio è che questa bella idea, già tradotta in progetto di qualità, possa estendersi su tutto il territorio nazionale.

Tra i destinatari dell’iniziativa i tanti anziani che, in questo periodo di grande difficoltà, potranno usufruire di un servizio tanto semplice quanto necessario: un trasporto sicuro fino ai punti vaccinali, agli ospedali, ai centri diurni assistenziali o che possa garantire l’espletamento di commissioni urgenti anche a chi, purtroppo, non più autosufficiente, non può contare sul supporto dei propri familiari o di altre persone care.

Come riporta corriere.it, «nel capoluogo lombardo il servizio è rivolto in particolare agli over 65, alle persone con disabilità, ai minori accolti in comunità e a tutti i cittadini con gravi difficoltà socioeconomiche. Il taxi gratuito è promosso dal Comune e dalla Fondazione Guido Venosta».

Dalla stessa testata, inoltre, si apprende che a Roma, «il trasporto gratuito su taxi è destinato esclusivamente agli ultraottantenni che non hanno la possibilità di essere accompagnati ai centri di vaccinazione. Il progetto si chiama “Ti accompagno io” ed è stato reso possibile dalla Fondazione Ania con la collaborazione della cooperativa radiotaxi 3570 e di Roma Capitale. Per attivare il servizio basta telefonare al numero 063570 specificando l’età, di essere soli e di avere un appuntamento per effettuare il vaccino anticovid. Il trasporto è valido solo per il viaggio di andata e ritorno dall’abitazione alla struttura sanitaria. A bordo della vettura il cittadino dovrà mostrare il certificato di prenotazione e un documento d’identità che dimostri la propria età».

Di seguito, i numeri da chiamare:

  • Milano – 020202
  • Roma – 063570

Un’iniziativa concreta che può davvero contribuire a ridurre un disagio nazionale diffuso e che interessa, soprattutto uomini e donne in terza età. L’augurio è che questa iniziativa possa diventare virale.