La Fondazione Alberto Sordi al Ministero “spiega” la Carta Alleanza

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter

Invitata a partecipare alla giornata di studi dal titolo “Rsa del Futuro, un modello made in Italy”, al Ministero della Salute, lungotevere Ripa di Roma, il giorno 26 febbraio 2020, la Fondazione Alberto Sordi porta un contributo specifico e fondamentale al dibattito.
Il Direttore avv. Ciro Intino, infatti, nella sua relazione fa riferimento al progetto e alla proposta della “Carta Alleanza per le persone anziane”. Si tratta di “creare sinergie, collaborazione, forme di partnership fra soggetti pubblici e privati del settore sociosanitario e del terzo settore, impegnati a diffondere una cultura della condizione anziana finalizzata a rispettare e valorizzare le fragilità emergenti per proporre risposte di cura orientate ad ogni singola persona e alle reti del suo mondo familiare e vicino”.
In particolare la Fondazione si propone come hub di progetti ed esperienze italiane che stanno innovando il design e l’erogazione dei servizi per anziani fragili, nei loro territori. L’obiettivo è di costruire sul territorio nazionale una rete di organizzazioni che condividano nella loro totale autonomia progettuale, una cultura personalista e personalizzante dei servizi, capace di contrastare i potenti processi di spersonalizzazione e deterritorializzazione che rischiano di caratterizzare la sanità del futuro.
La Fondazione Alberto Sordi, proseguendo l’indirizzo e la volontà, ferma e decisa, del grande attore che ha visto con lungimiranza problematiche legate all’anziano solo, fragile e depresso nella società moderna, ripone così al centro dell’attenzione i valori della territorializzazione, la personalizzazione, la coprogettazione e coresponsabilizzazione dei servizi per sostenere cure sempre più mirate, progetti di implementazione e inclusione, l’aging in place e l’invecchiamento attivo.
La “Carta Alleanza” con le sue finalità, costituisce oggi un livello di sinergia che guarda al cambiamento della società, alla sostenibilità, all’advocacy sociale e attraverso ricerca, innovazione e reticolazione propone la divulgazione di una cultura dell’inclusione che parte dalla persona ma coinvolge i suoi affetti più cari, la famiglia, la comunità.

LOCANDINA-RSA

Ultime news