Ieri il Convegno “Cure Palliative: dai luoghi ai modelli di cura” – Gallery

Facebook
Twitter

L’incontro si è tenuto all’interno dell’Aula Magna “Trapezio” della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma.

Alla presenza di Carlo Tosti,  Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico e Università Campus Bio-Medico di Roma, si sono alternate sessioni di confronto nate in risposta ai bisogni dei malati oncologici in fase avanzata di malattia. 

Oggi infatti, le Cure Palliative estendono il loro campo di azione a tutte le malattie, senza limiti prognostici. Sono applicabili in qualsiasi momento delle traiettorie di malattia e sono erogabili a tutti i livelli del sistema sanitario – dalle cure primarie a quelle specializzate – e in tutti gli ambienti di cura, dall’ospedale al domicilio.

Alla luce della recente attivazione del Centro di Cure Palliative “Insieme nella Cura” della Fondazione Policlinico Campus Bio-Medico, il convegno è riuscito nell’intento di voler riflettere sulla persistente attualità dei fini delle Cure Palliative e sullo sviluppo dei diversi “luoghi” dove si realizza concretamente la legge 38 del 2010, nei quali i pazienti possono continuare ad esercitare il loro diritto ad una vita degna di essere vissuta fino alla fine.

Fondazione Alberto Sordi – sensibile alla tematica – ringrazia profondamente la Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma per l’invito e l’impegno profuso alla realizzazione del convegno.

Ultime news

LINGUA DEI SEGNI

23 settembre, Giornata internazionale della lingua dei segni

Il 23 settembre è una data molto speciale: in tutto il mondo si celebra la Giornata internazionale della lingua dei segni. Non è data scelta a caso, perché si tratta dell’anniversario della nascita della federazione dei Sordi (Wfd), organizzazione nata nel 1951 a Roma per promuovere i diritti delle persone sorde e la loro inclusione sociale.

Leggi di più »
demenza

Quando un familiare si ammala di demenza…

Quando un familiare si ammala di demenza, sia essa Alzheimer, vascolare o di altro tipo è come se
si entrasse in un mondo sconosciuto che si va conoscendo progressivamente a volte piano piano a
volte in modo più traumatico sulla propria pelle.

Leggi di più »