FAS e ricerca: “La cura durante la pandemia e la sua riorganizzazione per il futuro”

Facebook
Twitter
Ha mutato in forma profonda tutti gli aspetti della vita umana: psicologici, sociali, culturali, economici. Il Covid-19 ci ha cambiati. E oggi, a distanza di oltre un anno di sofferenza globale, ancora non sappiamo né possiamo valutare la profondità di mutamenti che interessano e interesseranno ognuna delle nostre attività future. In tale contesto, il ruolo e il valore della ricerca e dello studio dei processi umani e sociali si rivelano ancora più cruciali nella selezione di nuovi modelli e approcci: risposte di cui si avverte, forte, la necessità e che potranno giungerci soltanto dalla Comunità Scientifica. ”La cura durante la pandemia e la sua riorganizzazione per il futuro” è una ricerca che muove in questa direzione. Prova a trovare delle risposte attraverso l’analisi – su scala nazionale – di dati qualitativi ed è strutturata anche in relazione al documento “Alleanza per le persone anziane”. Lo studio – promosso da Fondazione Alberto Sordi – è stato diretto dal prof. Riccardo Prandini, sociologo del Dipartimento di Scienze Politiche e sociali dell’Università Alma Mater di Bologna, e realizzato dai ricercatori Elena Macchioni ed Enrico Papa. Come noto, l’epidemia di Covid-19 è una malattia i cui esiti più nefasti interessano gli anziani, soprattutto quelli più fragili, e si è abbattuta con violenza sui servizi di cura per la Terza Età. Le RSA, per molti motivi, sono state le strutture più colpite anche se tutto il sistema delle cure – residenziale, semiresidenziale, domiciliare – si è trovato costretto ad affrontare criticità inedite in un momento storico caratterizzato anche da un’incertezza diffusa: che ha – in molti casi – offerto l’opportunità a queste strutture di rivedere i propri modelli di cura inserendo innovazioni che puntano in primis ad una governance di rete. È su questi presupposti che si concretizzano gli obiettivi della ricerca, i quali sono orientati alla comprensione delle seguenti dinamiche:
  • come i responsabili dei servizi e gli operatori, hanno ripensato le loro organizzazioni (e i rapporti con i loro membri), rispondendo alle sfide di un contesto imprevedibile, precario, incerto, rischioso e contraddittorio;
  • se (e come) sono riusciti a cambiare le forme della loro organizzazione (cognitiva, emotiva e pratica);
  • quali ostacoli e quali opportunità hanno trovato nell’ambiente istituzionale (locale, regionale e nazionale);
  • quali reti o relazioni sono riuscite a mantenere o a creare, per trarre ispirazione o sostegno, per dare risposte alle sfide.
  Un lavoro di qualità. Che continueremo ad illustrarvi e che, attraverso ulteriori contributi, nei prossimi mesi, si arricchirà di nuovi contenuti che potranno essere forniti anche da attori che non hanno partecipato alla prima fase della ricerca.    

Ultime news

workshop c'è posto per te

Workshop “C’è Posto Per Te”: grazie a tutti i partecipanti

«Il Volontariato è un aiuto per tutto lo spirito del Campus. Il sistema Campus nasce per rafforzare e trasmettere impostazioni valoriali fondamentali: la formazione non può essere solo scientifica, deve andare oltre.»
Con queste parole l’Ing. Carlo Tosti, Presidente della Fondazione Policlinico Universitario Campus Bio-Medico ha aperto il Workshop “C’è Posto Per Te”.

Leggi di più »